Archive

Posts Tagged ‘arresonos’

Arrèsonos de facebook (4)

18/05/2011 Leave a comment

Maghiàrgiu dischente


M.:    Deus meu BB. b’hat de si ponnes sas manos in pilos solu pro su “manifestu”! A me sembra scritto da persona che pensa in italiano e fa la traduzione simultanea parola per parola. Mi spiego: il problema principale di chi scrive in sardo è che non pensa in sardo. Di conseguenza la costruzione della frase, del discorso, è quella dell’italiano e non del sardo. Ovviamente può darsi che mi sbaglio. Faccio un esempio: l’appuntamento al luogo di partenza e l’orario di partenza di una processione tipo “la partenza della processione è fissata alle 15 dalla piazza della chiesa”. Che viene normalmente tradotto “sa partenzia de sa perfescione est a sas 15 dae piazza ‘e cresia”. Non conosco nessuno che, pensandola in sardo, la direbbe in quel modo e ti assicuro che di manifesti del genere ne ho visti parecchi. Probabilmente direbbe “sa perfescione cominzat a sas tres de bortaidie dae piazza ‘e sa cresia”. Ma. ripeto, forse mi sbaglio io. Saludos.


BB.:    MMM, ma no apo cumpresu no est craru su chi si nat? E comente mai sa zente non pessat in sardu o no iscrivet in sardu? Comente mai no as iscritu in sardu? Iscrive tue comente dias iscrivere tue custa locandina, gai si andat bene la cambiamus.


M.:    Su chi cherer narres ja si cumprendet. Solu chi imbezes de “bortadura” iscrio “traduzione” (ca in sardu pesso chi no bi siat cussa paragula, e mancari m’irballo). Poi non bi naro “dae sas vinti e trinta a sas vintiduas e trinta”, ma “dae sas ott’e mesa a sas deche e’ mesa e’ sero”. E non bi dia narres mancu in “sa sede de s’azienda”, ma in “sa sienda de. . .”. Comente puru non m’aggradat “in localidade su. . .” (ca si lu nas tue chistionande in sardu pesso chi nias pezzi “in su . . .”). Imbezes de “pro informaziones” dia narrer “pro nd’ischire piusu mutti a . . .”, o “iscrie a . . .”. Ma podet dare chi mi la sia faddinde.


G.:    M’abizo chi amie puru cumbinat de ‘acher su matessi est ca su sardu chi faeddait manneddu (mannoi, mannai,…) meu si chest ispertu chin issu. Como dai pacu app’intesu una zia de 90 annos chi faeddande in sardu narait “sa coperta” pro narrere sa “manta”, sa paraula sarda “fratile” est istata tramutata in “cuginu”, s’astragu in “ghiacciu” ecc.


BS.:    Deo creo chi M. apat rejone fatende cussas duas o tres “avertentzias”, chena pro custu chi neune si la devat leare a malu; ja si cumprendet BB. e andat bene fintzas gai, s’importante est de impitare su sardu, posca in caminu s’at a acontzare barriu.


A.: Medas non ischint galu chi in custos annos su sardu a fatu passos a in antis in s’àndala de s’ufitzialidade. E in cussa manera est impreadu in su manifestu chi at postu BB.. Deo pesso chi si M. si ponet a fàghere cosas (mancari nd’at finas fatu) de oe cun sa limba nostra l’at a cumbinare a isse puru de impitare faeddos chi “non bi sunt” in sardu.


M.:     Oh raju, mi chi no appo mortu a nesciunu: appo solu iscrittu chi, a parrer meu, carchi cosa si podiat narrer in attera manera. Non cherìo abbituperiare a nesciunu, a comizare dae BB. chie est pessone chi istimo pro su chi achet. Peri si non la pessamus in tottu a sa matessi manera. Non bi cumprendo proite s’assumbrat calicun’atteru solu ca no l’aggradat su parrer meu! A. zertu tenet rejone a narres chi est gherrosu a iscriere in sardu impreande paragulas de s’italianu, e no appo mai nau chi jeo bi resesso, pro caridade! Sa mia cheriat essere solu una vranta ‘e manu (mesu in su seriu e mesu in brulla) a sa limba sarda.


E.:     est normale chi faeddande no lu naras comente l’iscries, in italiano est su matessi: si in italiano bat’iscrittu “in località x dalle ore 20.00 alle ore 21.00” ieo naro “a x alle 9 di sera” pro cada limba pensu chi siat gai.


A.:     Su sinnale chi su sardu tenet benidore e chi est una limba bia, lu bidimus onni borta chi nos atrivimus a impitare iventziones e costrutziones lessicales modernas. Sena tìmere de nche bessire dae su connotu. Bastante chi siat a sighire totu sa matessi règula, cun iscientifitzidade in sos sèberos. @M.: so siguru chi est una betada de manu in bona fide e faghet bene a totus a nde arresonare. Cun salude 🙂


F.:     ‎@M. Ponimus chi debemas iscrìere custa locandina e nos manchet sa paràula sarda pro s’italianu “traduzione”. Ite si faghet? Tue propones a beru de lassare sa paraula italiana “traduzione” in su testu sardu? Un àteru podet pessare de la sarditzare iscriende “tradutzione”. Jeo, imbetzes, si no b’at nessune de dimandare o testos de riferimentu, pompio sos ditzionarios sardos (como bi nd’amus!). Agato chi in sardu esistit su verbu traduire (o tradùere) e chi no est pro nudda un italianismu reghente. Agato chi pro s’italianu “traduzione” amus meda issèberos, comente:

  • traduissone
  • traduida
  • transladura
  • transidura
  • bortadura
  • furriadura … e coa

Totu paràulas sardas. Cale isseberare? Pro esperièntzia mea apo annodadu chi sas prus usadas sunt bortadura e furriadura. Sa prima est prus de cabu ‘e susu e sa ‘e duos de cabu ‘e giosso. A dare cara peroe chi su verbu furriare lu namus nois puru. Est galu prus làdinu si unu partit deretu dae su sardu e si dimandat in sardu “Comente si narat cando bortas/traduis/furrias unu testu in un’àtera limba?” e agatat sa paràula chi ti serbit secundu su sentidu suo.

No esistit una paràula prus giusta, sunt totus sinònimos. Est petzi su gustu e su cuncordu cun su testu chi semus iscriende, sa moda linguistica chi cherimus mantènnere e gai sighinde. Su de assintzare sas oras cun unu sistema 24h podet parrer istranzu, e difatis lu est. Ma pessa a sos inglesos chi mantenent vivos bator sistemas diferentes pro sos orarios. A sas oto e mesa ‘e sero li narant

  • twenty-thirty
  • eight-thirty pm
  • half past height pm
  • half past twenty

Est craru chi unu sistema est intradu a pustis de un’ateru. Ma sas binti e trinta pro custu no est sardu? Est sardu “binti”, est sardu “trinta” e est sardu finas “e”. Ello, non semus abiles a manizare bintibator oras? O tropu ti parent? Conta chi su sistema 24h est reconnodu internatzionalmente. M’as a nàrrer chi no est bellu, chi non sonat che s’àtera manera de compitare sas oras e difatis non pesso chi carcunu punnet de lu impreare in carchi romanzu o poesia (o macari emmo). Ma in una locandina o in sos orarios de su trenu si diat pòdere.

Sienda e azienda sunt sinònimos. Ma su primu at meda àteros signìficos, est una paràula prus antica. Su secundu forsis est un’italianismu, ma carchi cosa no’ l’ant a lassare custos italianos, o debent petzi pigare issos?

Ma ti do resone, chi in custa locandina sa moda linguìstica est frita, est formale, chene perunu sentidu. E difatis est una moda de iscrìere amministrativa, ca cussu est su sestu chi l’at dadu chie at fatu sa locandina. Sa matessi locandina iscrita in italianu o in inglesu, mantenende de gai sa moda linguistica, diat resurtare torra frita e burocràtica, a chie la leghet. Ma custa no est una chistione de giustesa de sa limba.


S.:     Si azes gana de imparare a iscrivere in sardu fachiende a mancu, no est cosa de biere.


F.:     ‎@S. Tue ite nos cussìgias?


S.:     Deo pesso chi cadaunu deppet chircare de iscrivere in sardu comente l’at connottu e comente l’at semper negossiau. Chie non la pessat goi facat comente cheret, ma bastet chi sos chi juchen in manos dinare de tottus no nos obbrichen a fachere comente cheren issos.


R.:     Pro mene, M. e F. sunu nande su zustu: sa limba uffiziale non depet aere sos matessi problemas de su “burocratese” italianu, una limba leza e pacu crara.


@F. Su sardu est una limba romanza, proite non podimus narrere “traduzione”? Issa nos benit dae su latinu trans-ducere, chi diat essere”far passare”. Furriare/bortare, pro comente las isco deo, ana pacu de biere chin custa idea e chin su su traballu de piccare una paragula o unu libro iscrittu in una limba e chircare de narrere “sa matessi cosa” ( U. Eco) in sa limba tua o de attere. Mancu deo so linguista, si apo irballau, iscusae tottus.


S.:      Ma abberu ” sienda ” cheret narrer ” azienda “?


F.:    ‎  @S. Su chi naras tue est su chi b’est como, prus o mancu. Si sighimus goi amus giae pèrdidu. Su nùmeru de faeddantes est minimande e su ‘e sos iscrientes est de mancu puru. Una limba non podet acarare sa lestresa de sa modernidade c…olande petzi pro erèntzia orale, chene s’amparu de s’iscola.Pro su chi pertocat s’iscrìere, chi est una cosa meda diferente dae su faeddare, est de importu galu prus mannu a nde àer apidu un’imparu. A tie paret simpre, ca ischis giae iscrìere in una manera, ma canta gente b’at chi ischit faeddare e no iscriet? Ca si nde birgòngiat, ca timet sos errores, ca macari b’at fintzas proadu e l’ant iscontriada male. Canta gente b’at chi no ischit faeddare, ca no l’at imparadu dae nessune? Ma macari su sardu lu cumprendet e li diat agradare a l’impreare paramighe a un’atera limba, in faeddu e in iscritu. Canta gente su sardu pagu l’at connotu e prus pagu b’at negossiadu? Non sunt totu fortunados che a nois chi l’amus sumidu in domos nostras.Custas timorias, chi si perdat su faeddu e chi carcunu obrighet a iscriere in calesisiat manera, non la cumprendo. Ma podet èssere chi carcunu t’at obrigadu a iscriere in sardu comente non cherias?

O benit dae su cussiderare su sardu sa limba de sos giajos e de la cherrer collire che una prenda? Totu s’annu cuada pro non che la furent e de la bogare a campu petzi in die nòtida. Ma una limba no est una prenda, est una pianta. Cheret posta in solianu e li cheret datu cara. Si non ponet sèmene e si la cuas, si nche morit.

Osserva cust’arresonu chi semus faghende inoghe. Ognunu at iscritu segundu su sentidu suo. Cheret nàrrer chi ognunu at chircadu sos sinztales graficos pro mengius resessire a ponner su faeddu suo in sa tastiera. No est cosa fatzile, si podet fàgher a parpu comente naras tue o si podet fagher cun sa sièntzia chi benit dae s’iscola. Ognunu est liberu de fàghere comente l’agradat. S’una cosa no impedit s’àtera. Ma non diat èsser mengius si amus prus cuncordu in s’iscritura. E comente lu cumpones su cuncordu chene iscola? Chene custu cuncordu (calesisiat) non podìmus isfrutare sos mèdios tecnològicos de oe, chi imbetze pro sa limba nostra diant èssere unu balangiu mannu.

Jeo faeddo, iscrio e lego in bitzichesu (de goreai). Iscola no apo apidu e mi so arrangiadu a sola (che a belle totus). Como tue m’as a nàrrer chi non bi credes, ca su chi leghes no est bitzichesu (e prus pagu de goreai 😉 ). Ti do resone. Comente lu leghes tue, no est bitzichesu. Ma petzi ca no as sa crae pro colare dae s’iscritu a su faeddu. Comente lu lego jeo emmo. Ca s’iscritu no est su faeddu. E ti naro chi non b’apo perditu mancu s’àstula alaesa.


P.:    non soe mastru de nudda e non potto dare cussizzos a nemmos. Sa sola timòria mea est chi suzzedat che a su folklore ube b’at essiu che tunnios unu muntone ‘e mastros chi a parrer meu, an pezzi imbolicau e cuffusu tanta zente issupra ‘e sas chi fin sas “regulas” de su bestire, su ballare, cantare etc. benebennias comunque iniziativas che a custas, si no atteru pro su fattu chi est semper mezzus a fachere chi no abbarrare firmos a criticare 🙂 personalmente non m’aggradit custu “faveddu a cumone”, “limba comuna” o comente li nazzes, forzis est nezessariu ( non bastabat s’italianu pro si crumpenderene a pare su casteddaiu chin su gadduresu ?! ) peroe sico a pessare chi non podimus perdere sa ricchesa de tottu sos “dialettos” nostros e chi sa sola manera pro cusserbare unu calesisiat faveddu est de lu negossiare e de l’imparare a sos pizzinnos.

Appo impessu lettu su commentu de F. est giai una risposta a su c’ appo iscrittu pac’ora. As resone, nemmos proibbit a nemmos de sichire a negossiare e impreare su faveddu suo! purtroppo sa situassione in nugoro no est che a sa ‘e bitti, inoche atteros pacos annos e c’amus belle e fattu!


F.:     Atzes a iscusare sa prena ‘e paràulas, oe so cowboy de sa tastiera 🙂
@R. su chi cheria nàrrere fit chi non b’at meda sentidu a usare sa paràula italiana cando bi nd’at maigantas in sardu chi faghent su matessi traballu, si non mengius…. Traduissone e traduida, pro nàrrere, benint ambas dae trans-ducere e non sunt a mancu de “tradutzione” (uso su “tz” ca est sa moda prus comuna de iscrìere sa zeta surda) e s’agatant dae prima in su sardu.Furriare/bortare s’agatant cun su signìficu de traduire in meda iscritos. Cun bona paghe de Eco, ca no est isse chi fraigat sas limbas, ma chie totu las impreat. Si bidet chi a carchi sardu paret prus naturale bortare una paràula imbetzes de la trans-ducere. No est chi in conca sua at cumpresu giae chi, cambiande dae una limba s’àtera, non bi la faghes a nàrrer pròpiu pròpiu “sa matessi cosa”?

A mie diat agradare finas tramuda, petzi pro gustu.


M.:     @F.: Si namus chi a iscriere in sardu est gherrosu semus tottu in d’unu chistionu e est’abberu chi a l’iscriere non est comente a lu faeddare. Peroe non ti podet mancu iscostiare troppu su sardu faeddau dae su sardu iscrittu, …ca est pius malu a cumprendere, ca b’hat trechentaschimbanta viddas e cadauna hat su suo chi valet cantu a sos atteros e, si los cherimus iscrittos tottu che pare, tando est’abberu chi su chi amus collìu finzas de como lu perdimus dae como in susu. Pro cumprendes menzus: appo amicos vizzichesos, chi cando iscriene in sardu, mi paret de los intendes faeddande e gai los intendet peri chie non connoscet su vizzichesu. Leghende su chi has’iscrittu tue, F., non b’est su matessi piachere, non est vizzichesu!
Un’attera cosa chi no m’est aggradada: cando iscriese “su nùmeru de faeddantes. . . e su ‘e sos iscrientes”. Mi diat parres menzus a l’iscriere comente si nata in su chistionu: “sos chi lu chistionan e sos chi l’iscriene” (ma podet’esses chi m’irballo, pro caridade). Pesso chi sa bellesa ‘su sardu sunu sas differenzias da una vidda a s’attera: (pessade a s’onieresu e a s’oranesu, cantu sunu differentes). Pro mene custas differenzias l’has deppet cumprendes peri chie leghet! Sendenono torramus a cussa tettulìa de sa “limba sarda unificada”, pro caridade!
Pro la serrare, ieo no soe contra a s’iscola de limba sarda: bastet chi no si torret a su chi appo nau luego, a unu sardu comunu chi non b’este!


BB.:     Sa limba sarda in sardigna est comente su calcio pro sos italianos. Cando b’est una partia sun totus allenadores.
Beh non pessabo de pesare totu cust’abolotu (positivu) chin custa locandina. In cada casu si faveddat de imparare a iscrivere, …in perunu locu b’est iscritu ite grafia o cale dialetu. S’imparat a iscrivere in sardu chin sas regulas de sa limba sarda non chin sa grafia de s’italianu comente fachen in medas inoche puru.


S::     Caru F. si ses bittichesu e iscrives in custa manera, mi dispiachet pro tene ma non de b’aer balanzau, pro mene as perdiu meda. Siat comente si siat soe de accordu chin tecus, cadaunu podet iscrivere sicunde su mediu chi li paret menzus. Deo non bi mi connosco in custa manera de iscrivere unificada e appo semper a iscrivere sichinde su traju de su nugoresu. Su chi non potto bajulare est chi b’appat zente chi piccat dinare pro imparare a iscrivere a sos atteros una limba imbentada a “tavolinu” chi abbellu abbellu che cazzat su sardu beru, comente su dinare frassu chin su dinare bonu.


G.:     Sa paraula “traduzione” no mi piaghet ca in limba italiana cheret narrere duas cosas meta cambias, una l’ischimus ca la usamus, s’atera la usana pro narrere de su preioneri cando lu son colande dae una preione a s’atera…


ML.:     A me sembra in tutti i casi un’ottima idea per rafforzare la nostra identità….e porci in maniera “unanime” anche a livello internazionale.


R.:     Bortare/zirare non andan bene e de non las usare pro “traduzione” lu iscribet finzas Luisi Farina in su bocabolariu suo.


F.:

  • nos ana natu k’inaki no itisse
  • … inartu a destra
  • … este de s’orde …

Custas son pacar frases de vitzikesos buscatas in presse, inoke in feisbucu. Est pro bor faker videre cantu su ‘e no èsses cussenter de sa grafia annat a irraikinare sa grammatica de ssa vrase in s’iscritu (e in custu solamente pro vortuna). Est una mustra de sa vùria de sikire su sonu ki’ ssa paràula iscrita. De comente s”aeddu iscritu arrivat a perder sa funztione grammaticale e s ‘ortzicat pro sikire sa cunsonàntzia. Sas iscolas de iscritura (calesisiat sa grafia) devent servire prima ‘e totu a dare sa virmesa e sa grammatica a ssa paraula iscrita, a kie no es’ sicuru, a kie iscriet a discassu o no at iscritu mai.A keys’s I key an knees kit hee.Cust’inoke supra pote’ pàrrer unu dillìriu, ma provate a lu pronuntziare a s’inglesa e bos abitzates chi setzis faeddanne in bitzichesu 😀

I’ ssu venitore, si s’inglesu at a binghere contr’a su restu de ssar limbasa (non chegliat deusu), est probabbile ki in bidda si ‘orten’ a iscrìere de gai (ca su vitzikesu mancu sos inglesor non nke lu ‘ocana 😛 ).

Custa grafia ki so usanne inoke, jeo la cramo arrantzata “a s’italiana”, ca si leghete comente si narata. Est possibbile chi dete unu sentitu de ss’aeddu, ma no er mai ke de intennere un’aeddu in oricrasa. Su ki pretenniter voisi, mi paret ki est ke de intennes su sonu de un’orchestra (in coro ‘ostru), petzi leghenne su pentagramma. Ma no est sa matessi cosa de b’aer s’orchestra in dae in antis. E mescamente canno, de pentagramma, ontzunu si fraigat su suo a piagherinu e a cumbènia, annanghennebi tziras puru uve non bi cherene.

Ite bi semus balantzanne ‘akenne de de goi?

E ite bi semus perdenne?

Jeo no so linguista e prus pacu mi pontzo a imparare su sardu. M’agradat a iscrìere in sardu e a lu lèghere. E mi diat agradare de lèghere e cumprennere su chi iscriene sos àteros sardos, chene nche dever jumpare ontzi via dae una grafia a s’atera, arramponannemi in mesur de sar literas. Ca a bortas er difitzile a cumprennere uve sa paràula est iscrita male e uve sa grafia differente. E si unu no at mai intesu s’aeddu, no est fatzil’ in nudda cumprennere su ki b’est iscritu. Ma vinas kie lu connoschete acatata probblemasa. Cantos amicos apo devitu agliuare a leghere “Sos Sinnos” de Mialinu Pira, ca non resessian a nche ocare su sentitu dae ssa trama ‘e ssa paraulas pro coment’ini iscritasa.

Tzertu non nego su piaghere, pro kie connoschet sor faeddoso, de annotare sas diferèntziasa intre “iscriere” e “iscrivere”, “‘idere” e “biere”, “viere” e “bibere”, e gai sichinne. Ma custu piaghere non no’ l’at datu sa grafia, ca su verbu ‘enit prima de su sinnu, e mi paret unu balantzu minore a cuffrontu de su ki si perdete. Pro nàrrere, comente si ‘aket a mintere su sardu in sas novas teconologias in custa manera? Si una sienda keret imprentare un’etiketa pro unu produtu, cale grafia usat? Si cherimus su T9 pro ssos telefoneddoso e unu correttore ortogràficu, kie ti lor fraica’ pro trechentaschimbantar grafias differentes? Ponennene ki bi nn’apat una pro d’onzti ‘idda, pro annaret bene. Si sikimus a lèghere e a iscriere “a s’italiana”, d’ontzunu a moda sua arrantzannesi, ken’iscola e kene règula, non k’essimus prusu e in su prestantis sa sa limba la perdimus. Sicunnu mene si s’Ichnusa si diat atrivire a ponner un’etiketa in sardu in sas ampullasa, dia’ pèrdere su novanta pro chentu de sos viitores. Sos primos, sor de sa idda chi an’ istorkitu in s’iscritu.

Mi ‘enit a conca una manera de iscriere comente natzes voisi, ma ki siet abberu abberu paramiche a s’aeddu. Est s’arfabeto foneticu. E difatis sos inglesos in sor vocabularios issoro bi ponen’ sempere sa paràula iscrita “comente si narata”. Ca si no, non nche ‘ocant cartzas mancu issos. Ma unu chi bi sapit no ata a iscriere mai in su vitianu kin cust’arfabeto.

Si leghites “a s’italiana” est làtinu ki

fakere

fachere

fàghere

fàxere

sono totu paràulas diferentes.

Kie usa’ ssa crae chi naro jeo lar narat totu a ssa matessi manera, pro ssu vitzichesu [akere], ponennnebi sa “f” a s’incomintzu e/o mutzannenche sa “e” a ssa ‘ine, canno lu rekedet s’arrejonu. Pro un’àter’ ‘aeddu l’at a nàrrere a differente, [faγere] pro nne nàrrer una. Arratza ‘e imbentu chi bos so’ ammustranne, occo modernitate!

‘Akite custu jocu. Ischirriatebos una cantzone a tenore e buscatebos su testu e s’aùdio. Ascurtatela e leghenne sas paraulas de su testu. Non bo’ nne setzis mai sapitos ki sa ‘oche ‘e ssu tenore muta’ ssu ki b’est iscritu cufforma s’aeddu suo? Ki si una ‘oche de Vitzi cantat una poesia de unu poeta ‘e Viddanova, vorta’ ssas paraulas a ssa vitzikesa.

Pro nàrrere, inoke

https://fp40.wordpress.com/2010/11/17/unatera-poesia-de-leghere-e-ascurtare/

intennites su tenore de Onieri e potiter lèghere sas paraular de ssa poesia “Galusé” de Pipinu Mereu. A sa ‘ine de sa poesia, intennitela cantata dae ssu cuncordu polifonicu ‘e Tonare.

Setzis semper cumbintos chi no est possibile a lèghere in manera diferente dae comente “est iscritu”? Setzis cumbintos chi una grafia “a s’italiana” est abberu paramiche a “comente si narata”?

Cale diat èsser sa grafia mentzus tanno, si bi nn’at una? Pro me valet su ditzu “sas ainar fakent sar fainas”. Custa ki so usande como, vorsis er vona pro un’aeddu ki no si nch’allargat meta dae su vitzikesu, ma mutat sa paraula cufforma a su sonu e a sa pessone. Potet annare vene pro mene e pacos àteros chi connoschent s’aeddu meu.

Cussa chi so usande inoghe (o un’àtera calesisiat grafia sarda comuna) diat èssere prus sincrònica, mantenet sas pàraulas firmas in s’iscritura e lassat a chie leghet de las mudare intro ‘e coro suo, cunforma a su faeddu. Ma forsis no andat… bene nen mancu custa. No est perfeta, est galu anneosa e mancat de sintzales pro sos sonos de carchi faeddu. Su traballu no est finitu e si podet megiorare. Est probabile chi bi nde chergiat una galu mengius, chi si nch’allarghet galu de prus dae sa grafia italiana e dae su “lèghere coment’est iscritu”. Custu non cheret nàrrere chi s’atera grafia non serbat a nudda, antzias! Est utile pròpriu pro mustrare sas froriduras de su faeddu e unu la usat cando l’agradat. Ischinde chi b’at semper s’amparu de sa grafia comuna.Ma pro una cosa bos do rejone. Calesisiat grafia comuna sarda no at a sarbare sos limbagios de Sardigna. Ca, pro contu meu, mancu los minetzat. Non prus de comente los ant minetzatos sas grafias arrangiadas “a s’italiana” chi amus semper usadu. Ca no est su cumandu de una grafia de intrare in su chi pertocat su faeddu.S’aeddu non s’eretia’ ki’ ssa paraula iscrita, ma ki’ ssa paràula coment’ enit intesa e torrat a nàrrere.

Est a pessare ite tocat de faghere pro sarbare sos limbagios sardos, totu cantos. Jeo s’idea mea la naro. Bi cheret una recorta multimediale. Una aina viva, didatica, interativa. Ue totu sos faeddos sunt catalogados e registrados. Ue podimus intendere a oricra e bidere cun sos ocros, su “‘atatu”, su “tzatzatu” e su “ekerrrrorecostatu” bitzichesu, sa “esssse” orunessa, sos corfos de irgutzu, su “gnaaai” de campidanu ‘e mesu e sa scescia, e gai sighinde. Una aina chi rendat possibile a imparare su sardu a sos pitzinnos minores, finas a cussos chi in domo no lu faeddant. Ognunu imparande su faeddu ustu de bidda sua, ma cussente chi est solu una parte de sa limba. Custa cosa si potet faghere, sas tecnologias bi las amus e diat essere una richesa manna chi lassamus in èrentzia a chie at a bennere a pustis de nois. Ma pro como est petzi unu bisu.

—————————————————-

Un’àteru jogu pro tancare. De ue est su poeta chi at iscritu custu?

E kkommo lis kèryo kontare unu kontu, assos sennores,
a issos, ki puru sun sàpios. Kustas paràgula’ nnaba’
ss’alarpu assu trukipintu puzone, lebàndelu in artu,
i’ mmesu assa’ nnues, yukèndelu istrintu i’ ffarrunkas;
lanthau dae kuss’ungra a unkineddu, su puzone ghemìat
a llamentos; s’alarpu, beffande, li nabat: «a itte
ti lamentas? S’iskureddu, bi ki ti yuket in brazzos
kie er meda prus forte! E ttue as a bbennes ki’ mmekus
a ube ti yuko, peri s’iskis kantare, e dde tene,
si kèryo, mind’appo a ffaker unu bukkone, o, si mi
pare’, tti dia podes peri iskappare. Kene sennu es’
ki’ a’ ggana ’e s’opponer a kkie es’ su prus forte!
De zertu non de beni’ bbintore e assa mala birgonza
l’annaghe’ ssu pèyur dolore». Goi a’ nnau s’alarpu
ki e’ llestru i’ ssu bolu, s’ae ali-larga…

Ecco s’alarpu est s’italianu e, si non nos movimus a pesare alas largas, su sardu faghet de puzone.

In fines b’at essidu materiale bastante pro unu post in su blog meu 😛


S.:     Soe sempere cumbintu chi si no iscrivimus su sardu comente lu faveddamus a sa fine propiu ca s’iscrittura est f irma, issa at a binchere supra sa paragula e non nos restat atteru. E a sa fine ‘e sos contos pro ite custas regulas de iscritt…ura sun prus sardas de sas chi amus connottu? Pro mene sun prus istranzas si bind’appat. In-d-una cosa soe de accordu: collire tottu su chi b’est in cada bidda pro non perder nudda, ca si sichimus goi luego non bi nde restat, e sa limba unificada chi nazes bois l’an a negossiare sos chi bos ponen fattu ebbìa.
Su cossolu a sa fine, est chi a su nessi, finas inoche, semus negossiande e iscrivende in sardu o de goi o de gai. E a tempos de oje no est pacu.


AG.:     Che senso ha che un corso di lingua straniera sia pubblicizzato nella lingua che si propone di insegnare? Il bando dovrebbe essere in italiano, lingua dei giovani italiani, non in sardo, linmba de is betchos (per di più nell’ostica, per la… maggioranza, variante logudorese).Io lo capisco lo stesso, ma chi non sa niente del sardo, che cosa dovrebbe capire? forse che i corsi di lingua inglese sono pubblicizzati in inglese, quelli di spagnolo in spagnolo e quelli di francese in francese??

Unu cursu pro zente ki connosket jai sa limba, a ita serbit???
ma tanto è evidente che sarà un fallimento… come del resto sono i corsi di sardo che si cerca di portare avanti a Cagliari e a Quartu… perchè non hanno senso, visto che i giovani parlano in italiano e non si metterebbero a parlare in sardo, sostituendolo all’italiano.

“Impara a iscriere in sardu”… deo su sardu di isco jai iscriere, ma non potho narrere ca deo scippia su sardu… Is cosas incertas sunt meda e comuncas…. la padronanza che ho della lingua italiana supera di gran lunga quella che possie…do in qualunque altra lingua, sardo compreso.Come direste in sardo “padronanza”? maistraxu? merìa? sabidorìa?”padronatzia” lo escludo a priori…Mostra tutto


F.:    mastriàntzia, ispertesa, abilesa, trassa, ballassa …


AG.:     Totu fueddos kenza nobiliidade…”ispertesa”???in italiano diciamo “perizia”…. puro latnismo…. “ballassa” da dove deriva???”abilesa”??? e perchè non “abilidade”=sarebbe come se in italiano dicessimo “abilezza” o.O “trassa” mi fa venire in mente cose losche.

ah, forse dovevo scrivere “nobilesa” o.O


F.: Bae e sapuna sa conca a s’ainu! Ah no potzimmai m’irmenticaio chi semus nois sos ainos.

Sos ainos e s’ingegneri.

Un’ingegneri, chi fit istudiande unu caminu novu in su campu ‘e Vitzi pro contu de sa Regione o de sa “Cassa per il Mezzogiorno”…. ispantadu de cantu fit fata bene una caminera, dimandait a sos de bidda chi l’accumpantzaiant: “E chie l’at trassada?”. E issos respondesint: “Sos ainos”
S’ingegneri, essende tzitadinu, at pessadu deretu a una brulla. E pro bi la torrare si nch’est iscudu nande: “E si mancant sos ainos, chie trassat sos caminos inoghe?”. E cuddos deretu: “Si mancant sos ainos, cramamus sos ingegneris!”

Unu contu de Mialinu Pira a pitzu de su bilinguismu


AG.:     che brutto asinos senza la prima s …. comunque in campidanese si dice “burricu” oppure “molenti”… (e in alcuni dialetti la l è pronunciata come b aspirata: mobhenti)…. s’asinu ci parrebbe un italianismo e ciò sarà anche il motivo per cui, in logudorese, la parola latina “asinus” ha perso la s….


M.:     @F. Duncas, torro unu mamentu a su chistionu chi appo modiu in custu “post” de B.. Appo cominzau nande chi cando iscrìo in sardu deppo pessare in sardu. E cadaunu pessat i’ssu sardu de sa vidda sua. Tando, toccat de pessare… i’ssardu e de accattare sa manera de accher’intendere, a chie leghet, su sonu, su tràiu de s’onieresu cand’iscrìo ieo, su tràiu de si vizzichesu cand’iscriete F.. Solu imparande custa manera de iscriere b’at’imprastu, sende nono esto solu un’attera “moda” de ponner’in fattu. Est’abberu chi bi cheret carchi regula a cumone pro nos cumprendere, bi chere’sinnos novoso chi accan cumprendere su sonu zustu de sa paragula (comente cando naro, a sa moda onieresa “novu”, chi calicunu iscriete “nobu”, ma su sonu no este ne unu ne s’atteru). B’a’de narres chi abbortas su sardu paret pius’imboiosu de iscriere de s’italianu, abbortas azzudat a andare derettu a su suntu ‘e su chistionu. Pro cumprendere, leghende unu ‘e sos iscrittos de F., a narres “est probabile” est unu modu ‘e iscriere chi paret pius léppiu, ma ieo dia narres “podet dare” (o, a sa vizzichesa, “potet essere”).
Pro torrare a s’arrejonu de iscriere pessande in sardu, non dia narres mai “est utile”, ma pottho narrere “bisonzat de. .” o “est cumbeniosu” (ah: sa zeta “onnesa” estun’atteru ‘e sos sinnos chi bisonzana pro cumpredes sos sonos, no isco si valet a impreare sa theta de s’alfabeto grecu). A narres “chi si nch’allarghet” mi paret abberu un’italianismu chi non bi bisonzat, si pottho impreare paragulas dae su sardu: ca pottho narres “iscostiare”, o “istirire” . . . So chin tecus, F., cando nas chi bi cheret una “raccolta multimediale”, ma pesso sempes chi, cada vidda, deppat peri iscriere su sardu suo de una manera chi si cumprendan sos sonos. A resessire a iscriere, non naro in onieresu o nugoresu, ma in orgolesu, orunesu, mamuiadinu, tottu chistionos chin sonos nodios, ladinoso, diat’esser’unu traballu de tottu rispettu: forzis non s’at’a resessire mai. . . Ma pro como est pezz’unu sonnu.


AG.:     diat narres??? invece di “diat narrere” ?!!! sapevo del rotacismo (come in sar domos) , ma questo sigmatacismo della r mi è del tutto nuovo e mi suona sbagliato….

e che dire dell’elisione della f ? nello scritto non dovrebbe esistere….E habeis fattu totu custu…

La posizione di M. è assurda. In pratica, se applicata, vorrebbe dire che ci sarebbero tante ortografie, quante sono i dialetti delle due lingue (logudorese e campidanese) del sistema linguistico sardo.Mentre l’italiano non è altro che la… variante letteraria del dialetto fiorentino della lingua toscana, il sardo come lingua unitaria e standardizzata non esiste e non esisterà mai.Nessuna delle varianti del sardo ha il prestigio sufficiente per sostituire l’italiano in ogni ambito della società in tutta la Sardegna. Quindi il sardo morirà e forse è meglio così.

Del resto, in un mondo che tende all’unità non solo economica, ma anche politica, sarà già tanto se salveremo dall’estinzione l’italiano, sotto l’influenza di quella che diventerà, definitivamente, la lingua veicolare mondiale (dovrebbe essere l’inglese, ma il rischio è che sia il cinese….)


M.:     il punto sta proprio qui ed è esattamente (il mio punto di vista) in antitesi con il maldestro (ridicolo) tentativo di dare a noi sardi (a me di Oniferi e a Tizio di Selargius come a Caio di Uri) una “limba sarda comuna o unificada” di cui,… sinceramente, non sento l’esigenza. Perché non ne sento la necessità? Semplicemente perché ce l’abbiamo già ed è l’italiano.Naturalmente questo ragionamento prescinde e non ha niente da spartire con l’indipendentismo sardo ma solo con l’esigenza di comunicare. Bene, dal mio punto di vista, difficilmente smentibile, questa esigenza è soddisfatta appieno dalla lingua italiana (poteva essere qualunque altra, francese, spagnolo o inglese, l’importante è capirsi). E proprio i commenti scatenati (forse) dalla mia provocazione iniziale ne sono la dimostrazione: da essi traspare appunto una difficoltà notevole a comunicare in sardo, a sviluppare ragionamenti e infatti alcuni dicono tranquillamente di non essere in grado, altri non lo diciamo ma si vede da come scriviamo. Allora, se attraverso una lingua condivisa e diffusa, riusciamo tutti, ormai indistintamente, a capirci, non vedo la necessità di dar vita ad un mostro linguistico quale sarebbe un sardo comune, che oltretutto non ha nulla da spartire con il logudorese che è la lingua, diciamo, ufficiale per la poesia. Quale ragione seria ci sarebbe per voler sostituire, come dice AG., l’italiano con il sardo in ogni ambito della società in tutta la Sardegna (ammesso che, come egli stesso dice, ce ne sia una che abbia il prestigio sufficiente). Altra cosa è un approccio culturale volto alla conservazione del sardo in tutte (dico tutte) le sue varianti locali. Intanto credo che l’operazione (famigerata) della lingua sarda unificata non sia stata culturale ma economica (per alcuni); vi posso assicurare che, sopratutto nei nostri paesi, quelli dell’interno dove si parla regolarmente in sardo, ha suscitato solo un misto di rabbia e ilarità per le tante amenità riportate in targhe e tarchette, insegne, con un linguaggio che è l’alter ego sardo dell’italiano maccheronico. Chi è che, realmente, vorrebbe vedere documenti della Pubblica Amministrazione scritti in sardo? Incomprensibile per la maggior parte, vi assicuro. Un numero molto elevato di sardi immagino che non parlino regolarmente la loro lingua (in nessuna variante locale): ma che senso ha allora immaginare di sostituirlo all’italiano nei documenti ufficiali? Per diletto, per arricchimento culturale personale, perchè ci sono concetti che in sardo rendono di più, per mille altri motivi si deve recuperare e diffondere la lingua sarda, ma non per altri scopi. Ricordate i telegiornali in sardo (non so se ne fanno ancora. . )? Patetici, innaturali, ridicoli.


MO.:     M., anche l’Italiano 150 anni fà non è tutti che lo capivano e lo sapevano scrivere.. Non naro ateru 😉


M.:     E che c’entra MO.: si tenta di imparare almeno un’altra lingua difusa proprio per rendere massimamente efficace la comunicazione col resto del mondo e oggi che, a differenza di 150 ani fa, ce l’abbiamo, vogliamo tornare indietro. Per avere quale risultato? Una sola lingua, esattamente come è successo per l’italiano, per comunicare (cosa che già facciamo) al prezzo di buttare alle ortiche tutte le altre varianti. Se hai letto tutti i commenti hai capito il senso del dibattito e l’ultimo moi spiega i motivi per cui dobbiamo fare della salvaguardia delle varianti locali un fatto culturale: lasciamo stare, in questo caso, politica e ideologia. Basta un pizzico di ragione.


F.:     Arratza ‘e cucurinculu, o M.! M’agradas de prus cando faeddas in sardu 😀 No intro in sa cuntierra polìtica. Non m’agradat de b’intrare ca b’at unu pregiuditziu mannu in s’arrejonu. Su ‘e cussiderare sa parte ki ses fakenne comente non-politica, neutrale, petzi ca est su ki b’est como, su status quo. Duncas a cambiare sas cosas est una faina politica e las mantennere nono? Non mi facas ridere abberu. Non pontzas in fatu a s’ignoràntzia carca (de istoria e de lingusitica, a su mancu) ki est istuppata dae carkunu ki coffunnet s’ofesa kin s’arrejonare (ca pro su ki mi pertocat, o AG., ofesas sunt e so fachenne oricras surdas, pruscatotu ca non so in domo mea inoke). Beh, sa ki ses fakenne tue, est una parte politica. Liberu de la mantennere, pro caritate, comente so liberu jeo de mi mantennere sa mea. Si deus keret, macari dae innantis a una birra frisca, nne potimus sikire a arrejonare. Ca so sicuru ki so jeo a non àere acraratu bene sas ideas meas. Ma, pròpriu pro custu, nàrami una cosa. Jeo ti torro gràtzias de coro, pro sas curretzitas ki m’as datu. Las apo agradeschitas abberu e n’apo a faker tesoro. Ma tue, su k’apo iscritu l’as cumpresu bene, o ti ses curatu petzi de acatare sas faddinas in su sardu meu? Ki l’apas fatu o nono, non t’est bennitu de ti dimandare dae uve arrivant cussas faddinas de grammatica? Cale est sa limba ki nos est iscravanne su sardu dae mente? E comente mai l’est fachenne? Imbetzes de istare cramanne pantàsimas ki no esistint e mai ant a esistire (sa limba unificata, su monolinguismu sardu, …. Da bo’ nk’est intrata in conca sa cratagnàcula!), torrati a lèghere sa poesia de Antoni Mura, macari non siat in su traju nugoresu ki natzes. E dimannati kie est fakenne de alarpu intre ‘e sas limbas.


M.:     Lampu! B’at de narres chi di la gherras e chi non ti mancat sa paragula! Caru F., su chistiònu meu no est politicu ma pezzi de cumbennia: faeddare e iscriere in italianu pro sas cosas “burocraticas” ca est pius a grabu de nos cumprendes tottus. A lu cheres cumprendere chi a barantott’annos non nd’appo gana ‘e torrare a cominzare a istudiare, cando pro su chi mi bisonzat mi bastat su chi isco iscriere e narrere in italianu? Pro mene sa dirma est solu custa. Si appo post’in mesu sa politica est pezzi ca, non si podet negare, b’at zente chi pessat chi s’indipendenzia si podet faches solu chistionande e iscriende in sardu e ponende a un’ala s’italianu comente limba de cumone. Jeo abbarro vrimmu in su chi appo giai nau: chistionamus e iscriimus’in sardu ca er bellu, ca est’una lastima a lu perdere, a l’irmenticare. Pro cussu semus essìos in su matessi porrogu cando amus nai chi bi cheret sinnos pro iscries sonos chi non bi sunu in s'”alfabeto” italianu. Solu goi batt’imprastu a facher’iscola ‘e sardu. Tottu su restu, chi li niemus politica o atteru, a mimme no m’aggradat e non mi pare chi nd’appamus bisonzu. Collìa l’aremus pro nos chistionare in zillèri, sa limba sarda!


AG.:     Per fortuna è avvenuta una certa unificazione linguistica in tutto il territorio italiano, cosicchè del sardo, come delle altre lingue locali, non sussiste più alcun bisogno! :)Naturalmente per comunicare fuori dell’Italia, l’italiano serve a poco o a niente, e si dovrebbe quindi rendere l’inglese la seconda lingua materna di tutti gli esseri umani, cercando però di preservare le attuali lingue letterarie.Definire il sardo una lingua letteraria è alquanto ridicolo… il sardo, al massimo, vive del riflesso di cui rifulge la lingua italiana per antonomasia, il toscano letterario In pratica, i sardi, come gli altri cittadini italiani, hanno come “Dachsprache” l’italiano e niente può cambiare questo fatto.

http://www.google.com/search?hl=en&q=Dachsprache

http://www.google.com/search?hl=en&q=Lingua+tetto

http://www.teachersparadise.com/ency/it/wikipedia/l/li/lingue_parlate_in_italia.html


M.:     @AG: Non capisco: Intendi che non sussite il bisogno del sardo come lingua ufficiale, o che non ce n’è bisogno tout court? Mi sembra di percepire un certo disprezzo per il sardo, anche quando vuoi sottolineare (leggo dall’ultimo link) che il sardo non è classificato come lingua ma derubricato a semplice dialetto. Non potrebbe essere, anche quello, un semplice punto di vista? Altri si azzardano a definire il sardo “lingua”.


GP.:     @M.: non b’at nemos chi cheret pònnere a un’ala s’italianu, diat a èssere un’utopia ca s’italianu nos inghìriat in totue. Non podimus negare però chi sa limba de su pòpulu nostru est su sardu, e tando pro ite no amparare sas variedades faeddadas permitinde a chie lu cheret fàghere de impreare su sardu finas in s’iscritura, cun normas craras e fàtziles pro totus?

@AG: Se ti vuoi riconoscere solo nell’italiano ne hai piena facoltà, nessuno obbliga nessun altro a riconoscersi in altre lingue. Si tratta di scelte personali, e molte persone la pensano esattamente al contrario di come la pensi tu.
Riguardo a “Dia narres”: la r di “narrer” si trasforma in s davanti a consonante sorda (ovvero la p di “podet”). Nell’oralità è molto diffuso.


AG.:     Io non ho mai detto che il sardo sia derubricato a “dialetto dell’italiano” , se è ciò che intendi per dialetto, ma ho asserito varie volte che il termine dialetto ha due accezioni diverse, a seconda dell’ambito di studio in cui viene usato. In sociologia si intende per “dialetto” qualunque lingua locale che sia priva di prestigio sociale e che non serva per la comunicazione in ogni aspetto della vita, ma che sia al massimo relegato alla conversazione informale (come hai detto tu “pro kistionare in su tzilleri”); in ambito linguistico invece un dialetto è una variante di una lingua: si parla di lingua inglese, ma questa ha dei dialetti: l’inglese britannico, l’inglese americano, l’inglese scozzese, …irlandese, …australiano, ecc.In pratica dire “dialetto” o dire “variante diatopica di una lingua” è la stessa cosa; questa regola può essere applicata anche al sardo, che ha delle macrovarianti: il dialetto campidanese e il dialetto logudorese.http://www.google.com/search?hl=en&q=variante+diatopica

Ma io propendo per considerare non l’esistenza di una lingua sarda, ma semmai di un sistema linguistico sardo, comprendente due lingue: il campidanese e il logudorese, che hanno al loro interno differenziazioni dialettali. Tra l’altro, tra queste due lingue esistono anche varianti di transizione, come il nuorese e il “sardu de mesanìa”.

Detto ciò, io non penso che si possa rivitalizzare il sardo, senza mettere in disparte l’italiano; e dovendo scegliere tra estinzione del sardo ed estinzione dell’italiano, scelgo l’estinzione del sardo… Due lingue non possono essere parlate dallo stesso popolo e se tutti i cittadini italiani cercassero di rivitalizzare le lingue locali, non potrebbero farlo se continuassero a parlare anche in italiano… Quindi, o si rivitalizza il sardo o si preserva la conoscenza dell’italiano come lingua comune dei sardi e patrimonio che abbiamo in comune con gli altri cittadini italiani.

L’unico dialetto dell’Italiano presente in Sardegna è questo:

http://www.google.com/search?hl=en&q=italiano+regionale+della+sardegnaMostra tutto

Meno male che il tuo dialetto non è alla base del sardo standard…. o-O ma del resto narrere in campidanese è semplificato in nai…. quindi, non so cosa sia peggio…

Meglio:

diat narrere?

o

iat a nai?

Ma come si fa a sostenere che campidanese e logudorese facciano parte della stessa lingua se hanno differenze così marcate nelle coniugazioni e nella morfologia, quando non addirittura nella sintassi, per non parlare del lessico???—-E’ molto più conveniente riconoscersi in una sola lingua madre e la mia è, per fortuna, l’italiano, da sempre. Si da piccolo, penso in italiano.

Mi piacerebbe essere poliglotta, ma con lingue di alto prestigio (inglese, spagnolo, tedesco, francese, come minimo…)


GP.:      Tieni conto che lo standard è ancora sperimentale, e dunque aperto a miglioramenti e proposte. E anche per la lingua (aggiungo io) ciò che unisce è molto più di ciò che divide:-)
Anche a me piacerebbe essere poliglotta. Penso però che il prestigio derivi ad una lingua dalla considerazione che i parlanti hanno di essa, e poche lingue sono amate dai loro parlanti quanto il sardo lo è dai suoi.


DC.:     Pro tziu M.: su de aer su sardu che limba ufitziale non cheret narrer chi siat ufitziale su sardu ebbia. B’at unu muntone de esèmpios in Europa e in sa Repùbrica italiana puru (Badde de Aosta e Tirolo de Giosso) ue b’at duas limbas cun sos matessis deretos.
Non cheret narrer chi in Sardigna l’ amus a fagher cras mangianu, su caminu est longu meda.
Ais a narrer: a ite nos serbit? Serbit a dare balore a sa limba, ca sa farta manna de su sardu est custa, est pro cussu chi sos babbos e sas mamas ant acabbadu de pesare sos fìgios insoro in sardu e ant seberadu s’ italianu.
Torrende a dare pagu pagu de balore a su sardu, imperende·lu in s’amministratzione e màssimu in sas iscolas, est probàbile meda chi sas cosas comintzent a megiorare.
Pro bois problemas non bi nd’at ca su sardu l’ ischides chistionare giai bene meda, su chi interessat a nois est chi l’ iscant chistionare gai etotu nebodes bostros.

@ AG: ma calis lìnguas stràngias bolis imparai chi non arrennescis mancu a chistionai sa lìngua de is aiàius tuus? 😀 😀 😀


AG.:     Castia ca deu su sardu du connoscu, ma sceti in su dialettu de yaya mia…. ki no srebit a unu catzu!!!!!! in sa zona de Cagliari (Casteddu) e de Cuartu, su sardu est umpreau feti de is beccius, e a is bortas issus puru kistionant in sardu intre de issus matessis, candu no nd’at confiantzia. In ogni caso, le lingue straniere che intendo io sono lingue standardizzate e prestigiose, non come il sardo. Imparare il sardo sarebbe solo un bel gioco e niente di più. Imparare spagnolo, inglese, francese, tedesco, ecc, sarebbe invece anche molto utile.

DC, s’esempru ca fais no est justu. In Badde de Aosta tenint su francesu ke limba officiale, ma sa limba locale est su dialettu valdostanu de sa limba franco-proventzale. In su Tirolu de Jossu no nd’at ke limba offitziale su dialettu sudtirolesu de sa limba bavaresa, ma su Alemannu (“Tedesco”). S’esempru tuu diat essere sensadu solu si is limbas officiales de cussas rejones diant a essere istètidas is beros idiomas locales… Ma gai no est, ca cussos idiomas no tenint arcun prestiju, NO SERBINT A NUDDA. Su propiu balit in Sardinia… su Sardu s’at a morrere, ca no serbit prus a nudda… Is nepodes nostros hant a kistionare feti in italianu.

Mancai su sardu siat impreadu in is communicatziones officiales de is amministratziones publicas, is jovines, ki hant sempre foeddadu in italianu, no diant a tennere bisonju de cambiare limba… Su sardu, duncas, est destinadu a s’estinjidura.

————-

N.B.

Unas cantas de is regulas de ortografia impreadas.

j= g dulke de su fueddu italianu “gelato”
c, de in antis a i ed e, pigat su sonidu de z sorda de “mazzo” , ei deo da impreo in sostituzione de su diagramma tz, in is paraulas ki teniant sa c in latinu…. natzione, atzione, provincia, officiale…
k da impreso in logu de ch
g tenit sempre sonidu duru…. de ghepardo…. de in antis a totu is vocales… sa gerra.

Comuncas penso ki appo a andare in sa biblioteca de is linguas de minorìa, in Cuartu, pro biere si faint cursus de sardu gratis…

Advertisements
Categories: Limba sarda Tags:

Arrèsonos de facebook (3)

13/05/2011 Leave a comment

https://i1.wp.com/www.cinezapping.com/wp-content/uploads/2010/08/Lapprendista-stregone-il-cartoon.jpg

Maghiargiu dischente

A.:     Se devo essere sincero mi lascia alquanto perplesso il titolo del corso, “fueddhai e iscriri”, che mi richiama in modo palese, persino con un grave errore grammaticle, non la grafia adottata come lingua sarda tetto negli atti in uscita dalla Regione autonoma della Sardegna ma molto più modestamente dialetto sardo meridionale (impropriamente detto campidanese). Se le cose stanno così lo si dica chiaramente e senza inutili reticenze. Logudoresi, brarbaricini, tabarchini, galluresi e sassaresi (e io stesso, campidanese magdrelingua ma che studia la LSC e ne riconosce lo straordinario valore unitario) ne trarranno le dovute conseguenze. Sarei grato di sapere i nominativi degli “studiosi” promotori e degli implementatori di questa iniziativa. Iniziativa che, vorrei aggiungere, se le cose stanno come ho scritto nel precedente post, mi pare inutile e dannosa.

F.:      A., m’iscapat su risu ca in un’àtera arresonada de facebook so defendende unu cursu de iscritura in sardu, in grafia comuna, contra a sos chi pessant chi iscriere gai siet un’issollòriu. Peroe eo a custu cursu de “Fuedhai e iscriri in sardu” mi bi so marcadu e l’apo a fàghere. Si tenes unu pagu ‘e passentzia ti naro su proite e forsis nos franghimus dae sa solita gherra de religione chi non batut profetu.

Unu cursu de limba, calesisiat, faghet est semper bene, finas a mie chi l’apo sumida in domo. Ca iscola ufitziale de sardu no apo apidu, e totu su chi iscrio e comente l’iscrio est faina mea ebbia, imparada forrogrande in in sos libros e internet. Custu est unu cursu online, cheret nàrrere chi andat bene pro mene puru, chi biàgio meda e m’agatas pruscatotu foras de Sardigna. Custas sunt sas resones “pratigas”. Como benimus a sa LSC e a comente la presentas tue. Ca pro me b’at carchi faddina. Est craru chi est su pàrrer meu, no so linguista e no apo traballadu a sa LSC.
Sa LSC sunt duas cosas a pare, e custu at creadu meda problemas. Sa LSC presentat una grafia e una regorta de faeddos ufitziales, ma no est una limba. Si cramat Limba Sarda Comuna (e custu de su nùmene est istadu unu disaogu mannu), ma una limba (in su sentidu prus amprosu) no est, e isperemas chi no lu diventet. Si cherimus sa regorta (a banda de sa grafia chi est un’àtera cosa) est unu limbàgiu. Unu limbàgiu tecnicu-amministrativu, fraigadu petzi pro sos documentos in essida dae s’amministrazione regionale. Unu limbàgiu tècnicu rechedet de acropare una e una sola paràula cun unu cuntzetu, ca est una cosa ufiztiale e pertocat sas chistiones legales. Si connosches s’inglesu, eo bido sa LSC a ghisa de su “legal english” http://en.wikipedia.org/wiki/Legal_English. Si cheres podes fàgher s’iscuntrobu de comente pro calesisiat paràula isseberada dae sa LSC nde podas agatare un’àtera paia (a sa sarda), chi sunt sinònimos de sa prima. Totu paràulas chi benint dae sos diferentes faeddos chi ant sa matessi dignitade de cussas isseberadas dae sa commissione. Duncas mi podet andare bene chi in sos documentos ufitziales s’iscriat semper “traduère/bortare”, ma jeo comente liberu tzitadinu potzo iscriere “tramudare”, “furriare”, traslare” chi sunt totu faeddos sinònimos chi bi sunt petzi in su Vitzichesu, chi est sa variante de su sardu chi faeddo jeo. Mi podet andare bene chi in su bolletinu ufitziale de sa forestale iscriant semper “margiane”, pro nàrrere, ma nemos mi podet controire si iscrio, pro contu meu, “matzone”, malune” o “grodde”, chi sunt semper faeddos de su Vitzichesu. T’apo assintzandu sos faeddos de su limbagiu chi connosco de prus. Si faghimus su contu de treghentaschimbantas biddas de Sardigna, ti nde podes sapire cantu est manna sa limba nostra e cantu est frorida s’espressada chi podimus tennere.

Ma sa LSC est fintzas una grafia e custu diat èssere su cumandu suo primargiu. Est istada una gherra anneosa e cuntierrada a la fraigare custa grafia. No so linguista ma pesso chi a agatare règulas ortograficas siet giae unu traballu gherrosu de se, si bi ponimus chi pro sos sardos sa chistione de sa limba est prus sentida de su fùbalu, si bi ponimus sas disintedias, sas trampas de sos chi su sardu lu cherent mortu, sa mala fide de sos satzerdotes de s’una religione e de s’àtera, est un’ispantu de àere in manos una carchi cosa comentesisiat.

Si podet megiorare custa grafia? Embo, che a ontzi cosa. Su difetu prus làdinu est sa mancantzia de sintzales graficos, chi permitant de rapresentare sonos chi sunt in sos paritzos faeddos sardos e chi non cumparint in sa codifica. E no est unu problema petzi de su cabu ‘e josso, totu sos faeddos sardos ant particularidades fonèticas chi sunt sa festa de sos linguistas. Ed est craru chi unu non si podet intendere rapresentadu dae una grafia chi li dat su sentidu de nche li mutzare su faeddu. Est sa propaganda chi at acumpagiadu sa LSC, finas cussa a favore no at galu issortu custos nodos. Chi no si issorvent a sa sola cuandelos, ma tocat de los acarare. Finamentas pro mene no est istadu fatzile in nudda a agatare unu càlabru chi mi permitat de usare sa LSC acropada chin su vitzichèsu. E non so mancu siguru de b’èssere resessidu de su totu. Custu est su problema, totu ti narant chi sa LSC non ti mudat su faeddu, non ti nche tramudat, pro nàrrere, dae Vitzi a Ilartzi, ma nessune at assintzadu a sos de bidda comente la manitzare. E tanno jeo, ca so conchitostu e chergio iscuntrobare sas cosas (non so fìsicu de badas) m’apo lèghidu totu sos documentos de sa LSC e so proande a la usare (pro cantu no siepo pròpriu pròpriu ortodossu).

Ca una cosa tocat cumprendere bene. Sa grafia no est sa limba e non faghet sa limba. Sa paràula iscrita no est su faeddu. Sos sintzales graficos chi benint usados pro rapresentare su sonu de sa boghe sunt imperfetos pro natura. Est su matessi cun sa musica, su sonu de un orchestra no est su pentagramma de s’ispartitu (e pessade chi non totu sa musica si podet iscriere in custa manera). Su sardu est una limba rica, prena de ligatzos, consonantes mudongias, elisiones, corfos de irgutzu, nasalizatziones, e gai sighinde. Est una limba istòrica, viva, no est che s’italianu fraigada a taulinu.

E tanno comente uso jeo custa LSC. Che una calesisiat àtera grafia chi apo usadu finas a como e apo a usare in su benidore. Bi pòngio in iscritu su sonu de sa paràula mea, chi est in vitzichesu (macari m’agradet carchi borta de istòrchere sos àteros faeddos). No isco si carcunu at pessadu abberu de pòder cumbìnchere sos sardos a faeddare una carchi pantàsima de “limba unificada” creada a taulinu. Pro me est un’issollòriu chene perunu benidore. Deus non chergiat chi apemas cursos de ditzione pro sos telegiornales in limba sarda (cando s’ant a fàghere fitianos?). Ca si chie faeddat est othieresu, de Onieri o de Sant’Anna mi diat agradare de l’intendere faeddande su limbagiu suo. Ca est sa richesa nostra. Si b’est una cosa chi debimus imparare dae sa politica linguistica italiana est pròpiu a nde iscansare sos errores. Non podimus mutzare sos “dialetos” nostros, ma nde debimus fàghere sos pilotos chi affortint sa limba.

Inoke bos cambio sa grafia dae sa LSC a una pseudo-italiana chi “s’iscriete comente si leghete”, pro bor dare su sentitu de ssu vitzikesu. La uso canno iscrio a unu de vidda o de ssar viddas a curtzu. Bakir Banninu l’ispiega’ bene in d’unu de ssos arrejonos suoso, canno narata chi s’aeddu nostru es’ tostu de ascurtare. Er latinu puru a ss’oricra (e no este locudoresu!) e at ispantatu vinar Wagner. Canno iscrio in LSC o in àtera grafia, su chi iscrio jeo er goi chi lu lego. Pro nne àere su prètziu prur mannu potia iscriere in arfabeto fonetico, ma pesso ki kin custa grafia puru, lèghenne “a ss’italiana”, si nn’apat su sentitu. Ambar grafias (LSC e s’àtera, cramàmula locale) sono vonas pro cantu resessini a fàchere su travayu issoro. Ma es’ sicuru ki si pota’ faker mentzusu. Si atzes cumpresu vene, su ki est iscritu in grafia LSC non lu lego “a s’italiana comente si leghet”. Pro me /faghere/ est /’akere/ e /margiane/ es’ /mariane/ e gai sikinne. Ne una e ne s’àtera sono irbayatas. Son petzi ainar diferentes. E si sa LSC non fake’ ssu travayu ki deve’ fakere pro unu calesisiat ‘aeddu de Sardigna er giustu ki si pretennat de la metzorare e i’ ssu prestantu de usare sa grafia ki agradat de prus. Ca s’importante ess ki in ssardu s’iscriat e in caminu s’acontza’ ssu garriu.

ispero chi lu bidetas comente un arrejonu francu e chi podat èssere de agiudu a carcunu (in primis a mie pro mi iscraricare sas ideas), macari mi siat essidu unu pagu longu :P. P

Un’àtera cosa, totu sos chi sunt traballanne in calesisiat manera pro sa limba sarda sunt de respetare. A., finas si ses unu pagu atzudu in s’iscriere (cuntzedemila custa) non pongio in dùbiu, da su chi as semper iscritu, s’amore pro sa limba sarda e si no ses de acordu chi su chi apo iscritu eo (e finas si lu ses) ti cumbito a mi torrare una resposta. Ca no est un’atacu personale a tie, ma est pro pònnere sas ideas a cumone, pro chi creschemas totu in pare cun su cunfrontu e non chi s’afrontu. In un’àteru arresonu in facebook so difendende un’àteru cursu de iscritura in sardu (e torro a nàrrere iscritura, rajos!). Unu cursu base base, ue si dant sa règulas grammaticales fundamentales chi sunt sas matessi in totu su sardu (est una sa limba), pro comintzare a iscrìere contos, bortaduras minores, etichetas, locandinas e àteras cosas gai. Pesso, ma non so sicuru e pagu m’importat, chi ant a usare sa grafia comuna. Est craru chi, petzi chin custu cursu, non b’at a essire su nobel de sa literatura sarda, ma est unu sèmene chi s’at a prantare e isperemas chi det carchi frutu. Bos at a pàrrer curiosu, ma sos argumentos meos sunt sos matessi chi apo iscritu inoghe e custu mi faghet iscapare su risu. Ca in s’interis chi nois sighimus a nos bicare a pare chene profetu, su cuntzetu chi binghet e andat a dae in antis, est custu:

“Il punto sta proprio qui ed è esattamente (il mio punto di vista) in antitesi con il maldestro (ridicolo) tentativo di dare a noi sardi (a me di Oniferi e a Tizio di Selargius come a Caio di Uri) una “limba sarda comuna o unificada” di cui, sinceramente, non sento l’esigenza. Perché non ne sento la necessità? Semplicemente perché ce l’abbiamo già ed è l’italiano. Naturalmente questo ragionamento prescinde e non ha niente da spartire con l’indipendentismo sardo ma solo con l’esigenza di comunicare. Bene, dal mio punto di vista, difficilmente smentibile, questa esigenza è soddisfatta appieno dalla lingua italiana (poteva essere qualunque altra, francese, spagnolo o inglese, l’importante è capirsi). E proprio i commenti scatenati (forse) dalla mia provocazione iniziale ne sono la dimostrazione: da essi traspare appunto una difficoltà notevole a comunicare in sardo, a sviluppare ragionamenti e infatti alcuni dicono tranquillamente di non essere in grado, altri non lo diciamo ma si vede da come scriviamo. Allora, se attraverso una lingua condivisa e diffusa, riusciamo tutti, ormai indistintamente, a capirci, non vedo la necessità di dar vita ad un mostro linguistico quale sarebbe un sardo comune, che oltretutto non ha nulla da spartire con il logudorese che è la lingua, diciamo, ufficiale per la poesia. Quale ragione seria ci sarebbe per voler sostituire, come dice A.G., l’italiano con il sardo in ogni ambito della società in tutta la Sardegna (ammesso che, come egli stesso dice, ce ne sia una che abbia il prestigio sufficiente). Altra cosa è un approccio culturale volto alla conservazione del sardo in tutte (dico tutte) le sue varianti locali. Intanto credo che l’operazione (famigerata) della lingua sarda unificata non sia stata culturale ma economica (per alcuni); vi posso assicurare che, sopratutto nei nostri paesi, quelli dell’interno dove si parla regolarmente in sardo, ha suscitato solo un misto di rabbia e ilarità per le tante amenità riportate in targhe e tarchette, insegne, con un linguaggio che è l’alter ego sardo dell’italiano maccheronico. Chi è che, realmente, vorrebbe vedere documenti della Pubblica Amministrazione scritti in sardo? Incomprensibile per la maggior parte, vi assicuro. Un numero molto elevato di sardi immagino che non parlino regolarmente la loro lingua (in nessuna variante locale): ma che senso ha allora immaginare di sostituirlo all’italiano nei documenti ufficiali? Per diletto, per arricchimento culturale personale, perchè ci sono concetti che in sardo rendono di più, per mille altri motivi si deve recuperare e diffondere la lingua sarda, ma non per altri scopi. Ricordate i telegiornali in sardo (non so se ne fanno ancora. . )? Patetici, innaturali, ridicoli.”

Iscritu dae unu sardu madrelingua, chi sa limba sarda l’iscriet puru meda bene.

Categories: Limba sarda Tags:

Arrèsonos de facebook (2)

13/05/2011 Leave a comment

https://i1.wp.com/www.cinezapping.com/wp-content/uploads/2010/08/Lapprendista-stregone-il-cartoon.jpg

Maghiargiu dischente

L.:     Nel ripetere che la LSC è – al di là delle polemiche che ha suscitato – è un esperimento da seguire con estremo interesse da parte dei locutori e degli “attivisti culturali” di tutte le altre lingue regionali o minoritarie, sottolineo comunque, per chi continua a sostenere lo sviluppo e la conoscenza delle varianti della lingua sarda, che la Regione stessa, nella legge del 1997, tutela la lingua sarda “e la valorizzazione delle sue articolazioni e persistenze” (art. 2 comma 2 L.R. n. 26/1997). Interessante, a tale proposito, il principio del rispetto delle varianti locali così come espresso nella legge regionale del Veneto n. 8 del 13 aprile 2007, “Tutela, valorizzazione e promozione del patrimonio linguistico e culturale veneto”: “Le specifiche parlate storicamente utilizzate nel territorio veneto e nei luoghi in cui esse sono state mantenute da comunità che hanno conservato in modo rilevante la medesima matrice costituiscono il veneto o lingua veneta” (art. 2, comma 1).

A.:     Dai miei studi di diritto amministrativo ricordo che gli enti locali hanno l’obbligo di operare nel rispetto rigoroso dei principi di efficacia, efficienza ed economicita’. Questi principi non sono derogabili ne’ in sardegna ne’ nella penisola. Mi chiedo come tutt questo possa essere compatibile con la legittimazione pubblica di una miriade di dialetti e sub-dialetti che trasformerebbero la Sardegna e l’italia in n’autenica e improbabile Babele.


L.:     A. forse sono stato frainteso. Sono perfettamente d’accordo con il fatto che la lingua “ad uso amministrativo” non possa che essere una. Così è in Catalunya, in Galles, e ovunque la lingua regionale sia co-ufficiale. Addirittura in casi come la Bretagna, dove la lingua bretone non è affatto co-ufficiale ma è utilizzata veicolarmente o meno in alcune scuole, sia Diwan (cooperative private) che Div Yezh (pubbliche) che religiose, si usa una lingua comune sovradialettale. Ciò detto, il rispetto (assicurato anche dalla legge regionale sarda) di tutte le varianti si può/deve attuare nei territori delle varianti. E guarda che non sto parlando di “grafia”, ma di “contenuto”. Nelle scuole, per quanto riguarda il Piemonte – non entro nel merito di altri territori – abbiamo però deciso – e non sarebbe potuto essere altrimenti – che si parte dall’isegnamento della variante locale, fermo restando l’uniformità grafica di tutte le varianti. Poi mi rendo conto benissimo che la materia è delicata, ed ogni comunità ha il compito di gestirla con tutta la delicatezza e gli equilibri del caso. Fermo restando che i locutori hanno comunque l’interesse a comprendere che senza lingua tetto sovradialettale non si va proprio da nessuna parte, perché lingua tetto resterà l’italiano con tutte le devastazioni che ha già provocato.

Categories: Limba sarda Tags:

Arrèsonos de facebook (1)

12/05/2011 Leave a comment

https://i1.wp.com/disneyano.altervista.org/immagini/mickey2.gif

Su maghiàrgiu dischente


M.:     Vorrei imparare a scrivere in bittese. Cosa mi consigliate?


F.:     Salve M. Per capire cosa consigliarti, mi servirebbe che fossi più specifica. Non ho capito se tu capisci già il sardo parlato, e in particolare il bittese, e chiedi consigli su come impararne una grafia. Conta che le grafie sono sempre convenzioni, che solo l’ufficialità rende ortografie. Per cui esistono diverse maniere di scrivere il sardo, e nello specifico anche il bittese.


M.:     Capisco perfettamente il bittese e lo so leggere, lo parlo male. Ma vorrei imparare a scriverlo. Le mie origini sono bittesi e vorrei imparare il bittese. Grazie per l’interesse.


D.:     E tanno M. enis a Bitzi e gai l’imparas, cumpresu asa??


M.:     sto organizzando quest’estate magari. Si apo cumpresu.


G.:     Cara M., nel medioevo la tua domanda si chiama questione, cosa che per essere soddisfatta abbisogna d’una risposta, cosa che tu sai di poter non ottenere, perchè hai già verificato che non esiste una lingua sarda-bittese scritta, visto il modo in cui ognuno di noi si esprime. Io ti consiglio la Lingua Latina come base ontologica.


D.:     Bella G., ma nessi tue cumpresu ti ses????


M.:     Ciao G., vuoi partire dalle origini, volevo qualcosa di più semplice. Che non esiste scritta … ma i libri? e tu come ti esprimi allora? Perdonami, ma non ti capisco.


F.:     As rejone chi su latinu annat bene pro connoschere s’origine de sas paraulas chi benint dae cue e serbit de assintzu. Ma su sardu, finas su bitzichesu (e prus de cantu si pesset), si nch’est iscotiatu de meta dae su latinu. Est beru puru chi no esistit un’ùnica grafia sarda-bitzichesa iscrita, ma custu non cheret nàrrere chi no esistit peruna limba sarda-bitzichesa iscrita (sunt duas cosas diferentes). Grassas a deus, da potimus bantare finas libros de prètziu iscritos in bitzichesu, e si nne sichint a iscriere. Ma bastat de pessare chi canno ontzunu de nois, in su pacu suo, iscriet carchi cosa, est sichinne a fraicare sa limba-sarda-bitzichesa iscrita.

E no est mancu de ispantu chi apemas maneras diferentes de iscrìere. Antzias, no essennebi ne ufitzilitate e nen mancu iscola, est normale chi ontzunu de nois s’arrantzet chin su ch’ischit e iscriet sos sonos de su vitzichesu cufforma su sentitu suo. Si aeremus apitu iscola, diamus àere s’uniformitate in s’iscritura. Ma no esistit una iscritura “justa” e una “irballiata”. S’uniformitate, mescamente oje pro oje, debet èssire dae unu cuncordu. Canno b’at a èssere s’ufitzialitate chin s’iscola, tanno totu s’ant a espressare chin sa matessi grafia.

Ma non b’at nudda de male pro como a iscriere ontzunu a moda sua, ca da mi paret chi nos cumprennemas su matessi. Pro nàrrere, b’est chie usat petzi sas literas de s’alfabetu italianu e chie imbetzes bi nn’agianghet àteras. Si usat -ch- o -k-, -gl- o -ll-, -gl- o -rj- e gai sichinne. Ontzunu chircat de sichire una moda. Posca tocat a chie leghet a li dare su ghetu vitzichesu, cufforma sas regulas foneticas de su faeddu nostru.

Sa grafia chi so usanne como rechedet chi chie leghet non lu facat “a s’italiana”, leghenne gai comente est iscritu. Ma tocat de bi pònnere sas règulas foneticas de su vitzichesu (elisiones, mutàntzias e gai). Su balantzu est chi sas paràulas resurtant semper uguales in iscritura (iscritura sincrònica). Pro nàrrere, sa paràula iscrita “focu” si potet lèghere a diferente

su focu -> /su oku/

a focu -> /a foku/

ma in custa moda s’iscriet semper paramiche, e gai su restu.

De s’àtera manera, si potent iscrìere sas paràulas pròpriu comente si narant (iscritura asincronica). Inoche su balanztu est chi si leghet prus illestresa, chen’anneos, mescamente pro chie est costumatu a lèghere in italianu (comente semus belle totu). Ma su chi si pacat est de àere tantas formas iscritas de una paràula

su ocu

a focu

chi a bortas mutant tantu chi est anneosu a cumprennere. Ma non b’at una chi est prus justa de s’àtera, bastat chi unu issèperet e iscriat. Canno M. s’at a abbitzare de sas diferèntzias, e de cantas maneras b’at de iscriere una matessi paràula, at a isseperare cale l’agradat de prus.

@ M.

Se c’è qualche parte del discorso qui sopra che ti sfugge, fammelo sapere.

Una cosa che ti consiglio di fare, è innanzitutto scegliere un tipo di grafia fra le tante disponibili per esercitarti. In particolare ne esistono di due tipi:

La scrittura asincronica, nella quale si usano diverse forme grafiche per le stesse parole, conformando la scrittura alla lingua parlata. È veloce da leggere soprattutto per gli alfabetizzati in italiano. Ma lo svantaggio sta nell’asimmetria tra forme diverse della stessa parola, che possono cambiare anche di molto, fino, a volte, a rendere ostica la compresione.

La scrittura sincronica, dove si usa un’unica forma grafica delle parole, è più facile da capire. Lo svantaggio sta nella lettura non immediata, perché spetta a chi legge applicare le regole fonetiche per una corretta pronuncia.

Inoltre, è importante decidere quale insieme di lettere (grafema) vuoi usare, per scrivere un determinato suono (fonema) del bittese. In pratica per la scrittura del sardo esistono tante grafie con regole differenti. Hai a disposizione tante possibilità e sta a te scegliere. Ad esempio, quello che uso generalmente io (vedi sopra) è essenzialmente una variazione dello standard regionale per la scrittura della lingua sarda. Dove ho mantenuto le stesse regole di sincronia e stile, ma ho introdotto delle modifiche grafiche che lo rendono più simile al bittese. A me piace, ma, in senso assoluto, non è certo migliore o peggiore di altre. Continua a curiosare nel gruppo e vedi quale ti aggrada di più.

Per l’apprendimento della scrittura (qualsiasi grafia tu decida di adottare), ti consiglio anche di esercitarla insieme alla lettura a voce alta. In questa maniera acquisirai maggiore padronanza della scrittura stessa, perché potrai rafforzare sia la conoscenza dei singoli fenomeni fonetici, sia la costruzione dei legami tra le parole.

Ti faccio un esempio: il raddoppio consonantico in presenza di elisione, molto spesso non viene indicato. Prendi la frase

/i’ ssa cussoya/

La parola /cussoya/ (con la y di yogurt) indica una zona adibita a pascolo, ma si usa anche per contrada e zona in generale. Chiaramente questa parola può essere scritta in tante maniere, a seconda delle grafie (tutte giuste, ci tengo a rimarcarlo),

cussoglia, cussoya, cussorja, cussorgia, etc.

A me piace l’ultima forma (gusti personali), ma prendiamo cussoglia, che per molti è più familiare. Con una scrittura sincronica si potrebbe scrivere

in sa cussoglia

invece con una scrittura meno sincronica, che segue di più il parlato, potresti trovare scritto

i’ sa cussoglia

perché la -n di in va a cadere.

Ma non è tutto, per leggerlo in bittese devi anche raddoppiare la s- di sa, per cui diventa anche

i’ ssa cussoglia

che è più vicina alla maniera di leggere tutte le altre possibili grafie (anche quelle sincroniche, chiaramente).

Un secondo consiglio è quello di recuperare testi scritti in bittese (ma anche in altre varianti del sardo), sia per allenarti con la lettura, sia per arricchire il lessico e la grammatica. Puoi iniziare da “Sos Sinnos” di Michelangelo Pira, che usa una scrittura asincronica, per cui risulta facile da leggere per i bittesi, un po’ meno per gli altri. Ma ce ne sono molti altri (da non dimenticare i poeti) e arriveranno sicuramente tanti suggerimenti dal gruppo.

Infine, usare anche i dizionari. Online ne esistono due molto belli, che contengono anche le parole del bittese (non tutte tutte, ma almeno la maggior parte), insieme a quelle delle altre varianti del sardo:

il “ditzionàriu” del Puddu (in lingua sarda)

http://www.ditzionariu.org/

che all’inizio rimane un po’ ostico da usare, a causa delle particolari regole di grafia 😀 , come il doppio accento o il grafema -dh- invece che -dd-. Ma vale la pena provarlo, perché è una miniera d’oro.

I DULS del Rubattu

http://www.toninorubattu.it/ita/DULS-ITALIANO-SARDO.htm

http://www.toninorubattu.it/ita/DULS-SARDO-ITALIANO.htm

dove sotto la voce Nuorese (N), trovi anche le parole del bittese.

Per poter riconoscere quali sono le parole del bittese stretto, devi usare il senso che già possiedi per la nostra parlata. Se poi dovessi usare una parola che non è “secherra” non crollerà la piazza del paese.


M.:     Scusa F. ma tu adesso in che lingua mi stai scrivendo?


F.:     Per metà in bittese, seguendo una determinata grafia. Per metà in italiano, seguendo la grafia standard dell’italiano, spero 😀


M.:     Mille grazie.Credo di esserci, ci provo e poi ti faccio sapere


M.:     Chiarissimo. Sei informatissimo.grazie ancora.


F.:     Figurati,”imparanne s’imparat”.

Riesci a trovare i quattro significati diversi di questa frase in sardo? 😀

Per darti un po’ di materiale ti propongo due testi, che in pratica riassumono i due punti di vista alternativi alla questione della scrittura del sardo. Uno è “Sardegna tra tante lingue” di Roberto Bolognesi, lo puoi scaricare in pdf da qui…http://www.sardegnadigitallibrary.it/index.php?xsl=626&s=17&v=9&c=4463&id=296882

È un libro abbastanza divulgativo. Ricostruisce la storia della lingua sarda sfatando tanti miti della linguistica classica (tipo l’estrema conservatività del bittese, o la divisione del sardo in logudorese e campidanese 😀 ), e fa un’analisi della situazione attuale del sardo, incentrata su una proposta di normalizzazione grafica. Che è poi quella che ha attualmente adottato la Regione Sardegna per i documenti amministrativi. Ma, ripeto, non necessariamente quella che tutti devono usare, e soprattutto, non all’inizio se l’alfabetizzazione è stata prevalentemente in lingua italiana. In quanto, per poter essere usata correttamente richiede la conoscenza della corrispondenza tra i propri fonemi e i grafemi dello standard, perché lo stesso grafema viene usato per indicare fonemi diversi a seconda delle varianti. E ciò ha generato un po’ di confusione e fraintendimenti, non ancora risolti.

Nel mio piccolo blog c’è un racconto semiserio su questa questione (scritto in una grafia asincronica, “ca jeo puru so travessu” 😀 )

https://fp40.wordpress.com/2011/01/18/gaudi-in-sardu/

In pratica per usare questa grafia standard (e le grafie sincroniche, in generale) diventa veramente cruciale (e faticoso all’inizio) l’esercizio di lettura che dicevo prima, altrimenti la sensazione è quella di scrivere in altra variante rispetto alla propria. Dalle (ancora troppo poche) sperimentazioni che si stanno facendo nelle scuole primarie, sembra che i bambini incontrino molti meno problemi degli adulti, ad identificare la propria variante parlata nello standard scritto. Probabilmente perché le connessioni mentali non si sono ancora completamente specializzate nella lettura dell’italiano, lingua nella quale si ha, in generale, una più profonda aderenza tra il parlato e la grafia scritta. Ma anche qui ci sono tante eccezioni:

ad esempio la pronuncia della zeta (uso tra parentesi quadre [] i codici IPA)

pizza, mazzo e azione hanno lo stesso suono [tʦ] che viene indicato sia con -zz- che -z-

così come mezzo, rozzo e azalea con il diverso fonema [dʣ]

oppure prendi paglia e anglia che usano lo stesso grafema -gl- per due suoni completamente diversi, etc.

http://it.wikipedia.org/wiki/Fonologia_della_lingua_italiana

Chiaramente uno di madrelingua non ci fa molto caso, essendo meccanismi acquisiti nella prima infanzia. Ma conta anche quante differenze tra la dizione standard (quella degli attori per intenderci) e le varianti regionali dell’italiano che più o meno tutti parliamo realmente. Fenomeno che è una caratteristica normale di tutte le lingue, inglese compreso.

Comunque, per stuzzicare l’orgoglio bittese (se ce ne fosse bisogno 😀 ), quest’opera è dedicata a Michelangelo Pira e al suo “Sardegna tra due lingue” (che ti consiglio di cercare, se non l’hai ancora letto).

L’altra è la proposta di standard grafico del sardo elaborata da Mario Puddu, “Totu su sardu”

http://www.condaghes.com/get_document.asp?id=8&ver=it

Contrariamente alle proposte di unificazione della grafia del sardo (e solo della grafia, precisiamo), il Puddu segue la filosofia di lasciare libera la scrittura assegnando ad ogni fonema un unico grafema. In maniera che per ogni variante (come il bittese) ne risulti uno standard scritto, ma sia evidente anche la differenza con le altre varianti. Essenzialmente ne verrebbe fuori uno standard per ogni paese della Sardegna.

Benché non sia stata accettata dalla commissione regionale, io ho trovato molto utile la sua disanima della fonetica del sardo (ci sono anche i suoni del bittese, ovviamente), e dei grafemi più usati. Per modificarla e iniziare a costruire la mia grafia del bittese.

Come vedi, non posso darti un unico sacro testo sulla scrittura del bittese, e un po’ di lavoro di costruzione della grafia bisogna farlo tutti insieme. Anche perché non mi pare corretto dirti “scrivi così”, avendoti mostrato come la scelta della grafia sia essenzialmente soggettiva e dettata da molti fattori. Non ho idea se esista o se sia allo studio uno standard fatto su misura proprio per il bittese. Non è un lavoro facile da fare, viste le competenze di linguistica che occorrono per elaborare una proposta ortografica consistente. Ma con un po’ di lavoro collettivo e consapevolezza, secondo me c’è spazio per sviluppare e migliorare la propria grafia personale. Alla fine non penso che sia così importante andare a sciacquare i panni in “rivu ‘e Podda”.

Spero di non averti scoraggiato con un sovraccarico di informazioni. Ma la questione che hai posto non è triviale, soprattutto nella situazione attuale, in cui la scolarizzazione del sardo è ancora agli albori. E essendo affidata essenzialmente al volontariato, deve costruire il suo percorso tra enormi difficoltà. Ma questo non vuol dire che non ci siano risposte.

Non avere timore di chiedere e proporre.


M.:     Ciao F. in risposta al testamento che mi hai scritto: scherzo! Penso che tu abbia ragione mi trovo meglio con la srittura sincronica anche se ha quello svantaggio. Me ne sono accorta appunto leggendo in bittese e in altre varianti del sardo. Comprerò al più presto Pira. Ho visto i dizionari, direi indispensabili. Ho finito di leggere un’ora fa “Sardegna fra tante lingue”, molto chiaro mi serviva! Lo standard grafico di Puddu mi sembra il più facile, con questo metodo non ci sono confusioni o mi sbaglio?

Io ho capito che: per prima cosa esiste una lingua sarda-bittese scritta. Che non è sbagliato scriverlo come si parla (Scritt. asin.). Per quanto riguarda la scrittura sincronica mi ero già accorta di questo svantaggio…


F.:     Si.

Per confusioni cosa intendi esattamente?


M.:     Mentre leggevo altre varianti sarde. La proposta di Puddu mi sembra la più facile e penso che crei meno confusione.


F.:     Ah, si. Nel senso che si vede subito che è bittese.


M.:     Devo comprarlo! Per quanto riguarda il tuo quesito… mi devi dare tempo, sinceramente non so da dove iniziare. Tante cose tutte nuove.


F.:     Io lo ho modificato in un paio di cose. Tipo l’uso di -dd- invece di -dh-. Metto la j- anche all’inizio della parola, in quanto nel bittese parole come “justu” si pronunciano sia “giustu”, sia “iustu” a seconda dei casi etc.


M.:      Tu sei preparatissimo e non credo solo per il discorso Sardo! Io sono una profana. Sto studiando per la certificazione Ditals 1. Per me che vengo dall’odontoiatria è quasi una scomessa. Grazie a te ora ho un quadro della situazione, prima solo buio! Se ad ogni fonema corrisponde un unico grafema non esiste confusione? O non ho capito un piffero?

L’uso di dd mi piace di più, mentre la j all’inizio della parola, va bene, ma non nel mezzo perchè mi confonde con lo spagnolo. Fino a 1 anno ho vissuto a Buenos Aires per tre anni e ancora risento della j. Justu è perfetto.



F.:     No, in questa maniera ognuno scrive con una grafia che rende evidente la propria variante. Ad esempio “faeddare” e “faveddare” sono la stessa parola in due varianti foneticamente diverse (Bitti e Nùoro, per dire)

justu est? -> /iustu est?/

est justu -> /er giustu/


M.:    Non ho capito


F.:    È che la j è una semiconsonante non una vocale, quindi non sarebbe corretto sostituirla con la i ad esempio. Conta che all’interno della parola non muta mai il suono: ruju, oja, maju, massaju, raju …


M.:     Ma scusa tutti i bittesi quindi scriveranno faeddare. Mi riferivo a Puddu. Capito per la j, il fastidio è nella pronuncia per lo spagnolo, comunque ci posso arrivare


F. :     Dipende dalla posizione della parola. La f- all’inizio della parola, in generale, nel bittese cade

‘aeddare

‘ocu

‘èmina

‘urru

A me piace mettere un apostrofo per segnarne la caduta.


M.:    Bravo ma se metti la f è sbagliato.


F.:     No, non ho finito, scusa.

La f- ritorna a seconda della lettera che la precede, come ad esempio in

non faeddas?

cara a furru

Usando una scrittura sincronica, è prevista solo una forma scritta della parola. Allora per questioni etimologiche, storiche, etc., si consiglia di conservare la forma con la f-

faeddare

focu

fèmina

furru

e farla cadere durante la lettura quando è il caso. Con una scrittura asincronica potrai trovare sia aeddare (‘aeddare) sia faeddare.


M.: AFFASCINANTE …..dico un’altra cazzata ma mista? sincr. e asicr.?


F.:    Nota che la forma parlata è in evoluzione e oscilla tra una forma e l’altra addirittura nella stessa frase. Ad esempo

Non cheret faeddare

si può pronunciare

/Non cheret ‘aeddare/

ma anche

/Non chere’ faeddare/

entrambe presenti nel bittese parlato.


M.:     Spero che non te ne sono cadute le braccia.


F.: No, tranquilla. Se usi una forma differente della parola, sei già in asincrono. Poi è chiaro che tra le forme asincrone ci sono livelli differenti.

Categories: Limba sarda Tags:
%d bloggers like this: